Dove tutto ha avuto inizio…

Estratto dal romanzo “A Walk to home”
2° capitolo – 2° paragrafo

Il cartello verde e leggermente sbiadito piazzato lungo la carreggiata annunciava che al successivo centro abitato mancavano soltanto sei miglia.

Mya_McKenzie_A_walk_to_home_Blackstone

 

Di ritorno da Virginia Beach, Sebastian sta guidando il vecchio macinino di sua sorella lungo la E. Colonial Trail Highway, diretto verso un paesetto che non ha mai sentito nominare ma che diventerà presto punto cruciale della sua esistenza.
Quando incrocia quel cartello, la prima sensazione che Sebastian prova è il sollievo di sapere che quel suo inaspettato viaggio sta finalmente volgendo al termine.
Se solo potesse sapere ciò che il futuro ha in serbo per lui, forse lo guarderebbe con più attenzione.

 

Sfera magica per controllare il domani o benda sugli occhi per non svelare ciò che ci aspetta?
Conoscere ogni singolo minuto della nostra vita toglierebbe la voglia di viverla, ma una sbirciatina ogni tanto… credo non dispiacerebbe a nessuno.
Mentre scrivo questo post, inevitabilmente mi chiedo come i lettori accoglieranno questo romanzo, mi domando se lo apprezzeranno quanto l’ho amato io e finisco con l’interrogarmi su cosa avrei potuto cambiare, aggiungere o migliorare.
E siccome è quasi ora di coricarsi, capisco che devo smetterla di rimuginare su ciò che è stato e andare oltre.

 

Ritornando al nostro protagonista e al cartello verde che sta osservando, volevo puntualizzare come, a volte, piccole cose apparentemente insignificanti possano rivelarsi occasioni insperate.
Lo so, non succede spesso.
O forse accade sovente ma non vi prestiamo abbastanza attenzione o, peggio, abbassiamo lo sguardo per paura di non esserne all’altezza.
Il fatto è che dovremmo cogliere al volo le opportunità che incrociamo sulla nostra strada, senza sprecare tempo a ponderare, senza troppi “se” e senza troppi “ma”.
(Già immagino i commenti al riguardo)
Ma anche se questa considerazione può sembrare banale (e, detta da una che programma con 3 o 4 giorni d’anticipo cosa preparare per cena, fa un po’ sorridere) credo che sia la pura e semplice verità.
Carpe diem.

 

Questo post è dedicato a coloro che decidono di buttarsi.
Con l’augurio di cadere sempre in piedi.
E se così non fosse, pazienza… almeno un tentativo andava fatto!

 


Posted in A walk to home by with no comments yet.

A Walk to Home

Mya McKenzie - A walk to home

Con grande soddisfazione annuncio la pubblicazione sul mercato italiano di uno dei miei romanzi di maggior successo.

Disponibile da subito su amazon e, in anteprima sul sito, le prime pagine nel formato pdf.

Buona lettura a tutti!


Posted in A walk to home and tagged by with no comments yet.