Kevin & Megan – The best friends

480


Megan
 è la migliore amica di Shannon. Si conoscono fin dall’infanzia e vivono insieme in un piccolo appartamento di Santa Monica.
Le due amiche non potrebbero essere più diverse, eppure non potrebbero stare l’una senza l’altra. Se Shannon è precisa, sempre impeccabile e un po’ sulle sue, Megan è una ragazza alla buona, con la testa tra le nuvole, disponibile e divertente.
E’ la classica romanticona, che aspetta ancora l’arrivo del principe azzurro, ma che non si lascia sfuggire l’occasione di ingannare l’attesa spassandosela con qualche bel ranocchio. 


Kevin
 è il migliore amico di Thomas. Si sono conosciuti da piccoli e, oltre a vivere insieme 5962-largest_Sharma in un appartamento a West Hollywood,  condividono la stessa passione per gli sport estremi.
Tra i due, è senz’altro Kevin quello più spericolato, quello più in gamba, il campione indiscusso conosciuto in tutto il Paese.
E’ il proprietario di una palestra a Park La Brea e, per far quadrare i conti, organizza corsi di sopravvivenza per principianti, durante i quali può permettersi di praticare quegli sport che ama tanto.
Non ha un ragazza fissa ma, a differenza di Thomas, non ha un demone interiore che lo spinge a cercare conforto tra le braccia di una donna. Semplicemente, non ha ancora trovato la persona giusta con cui condividere le proprie passioni. 

 

Megan incontra Kevin per lavoro e, infatuata di lui, decide di presentargli Shannon, sperando che possa dargli una mano a rinnovare l’immagine un po’ troppo trasandata della sua amata palestra.
E sarà Kevin, grazie al suo amore per la natura e lo sport, a convincere Shannon a partecipare al corso di sopravvivenza che sta organizzando nello Yosemite. Un viaggio al centro del mondo, in cui Kevin, Shannon e Thomas avranno la possibilità di crescere, comprendere i propri limiti e, forse, porvi rimedio. 

 Stelle


Posted in Escape, Novità by with no comments yet.

Shannon MacLean – A little Miss Perfect

273f244b18a4ded200c5e8ea3d4a18d6Nome e Cognome: Shannon T. McLean
Età: 29 anni
Domicilio: Santa Monica, CA
Occhi: verdi
Capelli: rossi
Altezza: 157 cm
Peso: 48 Kg


Shannon è una giovane e affermata arredatrice di interni. Lavora sodo, soprattutto per Hollywood, e nel suo campo è una vera celebrità. E’ fidanzata con Ethan, vive con la sua migliore amica ed ha praticamente una vita da manuale: lavoro, famiglia, amore.
Eppure c’è qualcosa, nella sua quotidianità, che la disturba. Forse è lo stress, magari è soltanto ansia da matrimonio oppure dipende un po’ anche dall’eccessiva invadenza di Ethan. Ma qualsiasi sia la ragione, è così asfissiante che si sente soffocare.
Decisa a riprendersi in mano la propria vita, Shannon si impone di staccare la spina. Con la complicità di Megan, la sua più cara amica, decide di partecipare ad un corso di sopravvivenza, alla ricerca di quell’equilibrio interiore che sente di aver perduto. Riuscirà davvero a ritrovarlo tra quelle affascinanti pareti di granito o finirà per mettere in discussione ogni cosa?


Posted in Escape, Novità by with no comments yet.

Thomas Barlow – The badass

hugh-jackman-canottaNome e Cognome: Thomas A. Barlow
Età: 37 anni
Domicilio: Los Angeles CA
Occhi: scuri
Capelli: neri
Altezza: 183 cm
Peso: 76 Kg

Thomas è uno dei tre istruttori che accompagneranno Shannon durante le tre settimane di sopravvivenza nel parco nazionale dello Yosemite. Ha una grandissima esperienza in fatto di arrampicate e ha una passione viscerale per gli sport estremi. E’ in grado di pilotare un deltaplano, di governare un kayak, di lanciarsi con il paracadute e di affrontare le rapide a bordo di un raft. E’ un eccellente nuotatore e, inutile dirlo, qualsiasi sport gli riesce con estrema facilità.
Quando non è in giro per il mondo per superare i propri limiti,
gestisce una palestra a Park La Brea insieme al suo inseparabile amico, Kevin. Di sera, invece, smessi i panni di personal training, si dedica alla sua seconda passione: le donne.
Coerente con questa sua immagine di cattivo ragazzo, Thomas non cerca una relazione stabile, ma soltanto la compagna di una notte. E Shannon, per lui, non è altro che una nuova sfida, un ennesimo nome da aggiungere alla lista dei trofei conquistati tra le lenzuola.


Posted in Escape, Novità by with no comments yet.

Le scelte di Nicholas

AVVISO – SPOILER: questo spazio è riservato a chiunque voglia commentare le decisioni prese da Nicholas nell’ultimo capitolo della serie, perciò consiglio di proseguire nella lettura soltanto a coloro che abbiano già letto letto “Whatever you need”

Nicholas M. Hallaway

Un dato di fatto che non cambierà mai è l’amore assoluto che Nicholas prova per Sienna.
Per lei è pronto a rinunciare alla propria carriera.
Per lei è pronto a sfidare coloro che tentano di strapparla dalle sue braccia.
Per lei è diposto ad accantonare la propria gelosia affinché possa sentirsi libera di lavorare con chiunque, anche al fianco di un uomo pericoloso come Mitch Ferguson.
Per lei ha messo da parte le paure più profonde e ha scelto di donarsi completamente e darle un figlio.

In nome dell’amore che prova per sua moglie, Nicholas ha deciso di farsi da parte.

Ha capito che per Sienna diventare madre era fondamentale e, non essendo apparentemente in grado di darle ciò che desidera, ha scelto di darle almeno l’opportunità di realizzarsi appieno. Anche se ciò significa lasciarla libera di andare con un altro uomo.

Come giudicate questa sofferta decisione?

Secondo voi è una pura manifestazione dell’assoluta dedizione a Sienna o è soltanto una infima dimostrazione di debolezza?
Avrebbe dovuto lottare per il loro matrimonio? Anche se ciò significasse impedirle di realizzare i propri sogni?

A voi l’ardua sentenza…


Posted in Whatever you need by with 1 comment.

Come ti confeziono un romanzo…

Moon

Immagine trovata su http://chelavitacontinua.blogspot.com/2014/08/immagini-della-luna-gif-bellissime.html

Vi è mai capitato la mattina appena svegli di ricordare un sogno davvero molto strano e di restare lì, fermi, a cercare di immaginare ciò che sarebbe potuto accadere se il vicino non avesse fatto tanto fracasso?

A me sì.

Io sogno tantissimo e molto spesso, al risveglio, ho dei ricordi piuttosto precisi. Quasi sempre sono sogni assurdi, senza capo né coda, ma ogni tanto, tra le migliaia di scene che ricordo, ce n’è qualcuna che attira la mia attenzione.
E se ho tempo per restare a letto, tra sonno e dormiveglia, tento di proseguirlo o di immaginare cosa accadrebbe se avessi variato leggermente la storia.

Ecco, in quei giorni, nascono i miei romanzi.

Non vedo chiaramente tutto quanto, molto di ciò che scrivo è qualcosa che mi viene da dentro man mano che le mie dita tamburellano sulla tastiera.
A volte non so neanche che aspetto abbiano i personaggi e sicuramente non so dove vivono. Tutto ciò che conta è chi sono e dove devono arrivare interagendo tra loro.

Per iniziare a scrivere un romanzo mi basta fissare 3 o 4 punti fondamentali della storia e poi… via!
I primi giorni sono quasi tutti di ricerca: la location ideale, l’aspetto fisico dei personaggi, la loro età, il loro background.
Una volta definito chi sono i personaggi, apro l’editor di testo e immagino la prima scena. Da quel momento, la storia si sviluppa praticamente da sola.

Ogni tanto capita di rivedere qualche dettaglio dei personaggi per calarli meglio nell’ambientazione ma, in alcuni casi, la storia calza così a pennello che non ho bisogno di modificare praticamente nulla.

La parte più difficile per me?
Sicuramente le descrizioni di luoghi secondari e di ambientazioni marginali che, pur non essendo fondamentali, devono essere presenti per dare al romanzo quel tocco di realtà in più.
Cerco sempre di ispirarmi a luoghi esistenti, che scovo su Internet, e che sarebbero ipoteticamente raggiungibili dai miei personaggi se esistessero veramente.

PrettyW

Il momento più emozionante di uno dei miei film preferiti…

Ciò che amo di più?
Fondamentalmente sono una romanticona perciò, senza ombra di dubbio, è il momento in cui due personaggi si scambiano il primo bacio e confessano il proprio amore all’altro.
Lo so, lo so, smielata fino al midollo, ma che ci posso fare?


Posted in Mya and tagged by with no comments yet.

Sienna Tilson, il brutto anatroccolo?

Nome e Cognome: Sienna Jane Tilson
Data nascita: 06/01/1996
Nata a: Lancaster, PA
Domicilio: 91 Conestoga Boulevard, Lancaster, PA
Occhi: castani
Capelli: castano scuro
Altezza: 165 cm

 

Sienna è la protagonista indiscussa di Save Me.
La incontriamo ancora chiusa nel suo guscio, sola, annoiata, sofferente e incavolata con il mondo intero.
Troppo matura per la sua età, troppo preparata per essere una liceale, troppo impacciata per essere notata dagli altri, Sienna ha un solo obiettivo: sopravvivere agli anni del liceo e sbarcare all’università, dove crede verrà notata e premiata per le sue doti accademiche.
Il suo brillante piano è di mantenere un profilo così basso da non attirare su di sé le battute stupide e crudeli dei compagni.


Un ottimo piano, se non fosse che, così facendo, si sta precludendo la strada per il college. Sarà il professor Hallaway a farle notare la falla del suo piano e a convincerla a cambiare tattica: l’unico modo per entrare in una buona università è affrontare il liceo con grinta, dimostrando a se stessa e agli altri che è in grado di superare qualsiasi sfida.


Grazie al sostegno e l’appoggio di Nicholas Hallaway, Sienna supererà il blocco psicologico che l’ha, fino a quel momento, relegata al ruolo di “fantasma” e si trasformerà nella magnifica creatura in grado di conquistare tutti con la sua eleganza e purezza.


Posted in Save Me and tagged by with no comments yet.

Eve Lewis, la classica brava ragazza?

Nome e Cognome: Eve Claire Lewis
Data nascita: 03/09/1988
Nata a: Bradford, PA
Domicilio: 215 Greenland Dr, Lancaster, PA
Occhi: verdi
Capelli: biondi
Altezza: 172 cm

 

Mya_McKenzie_Save_Me_Eve_RunningLiceale talentuosa, ha frequentato la facoltà di Scienze all’University at Buffalo (NY) laureandosi in Scienze Motorie.
Da sempre appassionata di sport, ha vinto premi prestigiosi in molte discipline sportive, sia individuali che in squadra.
Nascosti nell’armadio di casa tiene tutti i trofei vinti nella sua carriera sportiva. Il più importante di tutti, quello che ricorda con più soddisfazione, è quello vinto con la sua squadra di pallavolo del college.

Nonostante una bellezza particolare che non passa inosservata, Eve non ha grilli per la testa. Fidanzata da due anni con Chris, ha già fissato la data delle nozze e sta per sposarsi.
Vive da sola in una graziosa casetta accanto alla Lancaster Mennonite High School, che, con le tende di pizzo alle finestre e gli arredamenti vintage, sembra quasi una casa per le bambole.


L’arrivo del nuovo supplente di Matematica, però, le stravolge la vita.
Hallaway è simpatico, gentile e molto affascinante. Nonostante sappia che è impegnata in una relazione, Nicholas sa bene quali siano le corde da tirare per farla cadere in tentazione.
Sopraffatta dalle emozioni che prova ogni volta che lo incontra, Eve si troverà a decidere se rimanere fedele al ruolo di brava ragazza che le è stato cucito addosso o se abbandonarsi alla passione…


Posted in Save Me and tagged by with no comments yet.

Nicholas Hallaway, mitico professore o semplice ragazzo?

Mya_McKenzie_Save_Me_Blue_Eyes_sNome e Cognome: Nicholas Martin Hallaway
Data nascita: 29/04/1986
Nato a: Williamsport, PA
Domicilio: 100, Bridlewood Way, York, PA
Occhi: blu
Capelli: neri
Altezza: 182 cm
Peso: 78 Kg


Grazie
al suo aspetto, decisamente fuori dal comune, alla sua naturale disinvoltura e ad una spiccata inclinazione alla battuta, fin dal liceo Nicholas è stato il classico “tipo fico”. Nonostante in classe ottenesse ottimi risultati e non eccellesse in nessuno sport in particolare,  è sempre stato un ragazzo popolare, circondato da molti amici e dalle ragazze più carine della scuola.

Appassionato di matematica fin dal liceo, Nicholas si è laureato in Scienze Matematiche alla PennState (Pennsylvania State University). Scegliendo il corso di matematica computazionale, dal 2004 al 2008 ha frequentato il Dipartimento di Scienze di State College.

Inizialmente proiettato verso la carriera di ricercatore, la sua vocazione come insegnante nasce per caso, in seguito ad un particolare evento che cambia profondamente il corso della sua esistenza.

Nel ruolo di professore, Nicholas si sente a proprio agio e ottiene spesso ottimi risultati: è esigente ma facile alla battuta e le sue lezioni sono un mix di noiosa matematica e interessanti applicazioni al mondo reale; disponibile e corretto, generalmente non fa preferenze; ha la rara capacità di intuire le difficoltà e le necessità dei suoi studenti, che cerca di aiutare sempre ed in ogni caso.


Ma oltre ad essere un buon professore, Nicholas è anche un ragazzo semplice.
Sempre a proprio agio con le ragazze, Nicholas ha collezionato un gran numero di storie ma nessuna è durata più di qualche mese. Onesto e leale anche in amore, le sue storie non finiscono mai a causa di un tradimento, ma soltanto perché non permette mai alla partner di conoscerlo fino in fondo.


Nessuna è mai riuscita ad arrivare in profondità nel cuore di Nicholas, almeno finché non sbarca a Lancaster…


Posted in Save Me and tagged by with no comments yet.

Save Me

Mya_McKenzie_Save_Me In formato ebook, Save Me, il nuovo romanzo di Mya McKenzie: una tenera storia d’amore tra due giovani anime smarrite.

Dal 12 Marzo su Amazon.it

http://www.amazon.it/dp/B00UKENHHY


Posted in Save Me and tagged by with no comments yet.

Leanne Saffron

Mya_McKenzie_A_Walk_To_Home_Leanne_SaffronNome: Leanne Margaret
Cognome: Saffron
Data nascita: 18/10/1982
Nata a: Petersburg, VA
Ultima residenza conosciuta: East Courthouse Road, Blackstone, VA

Occhi: azzurri
Capelli: castani
Altezza: 170 cm
Peso: 56 Kg
Titolo di studio: Psicologia
Università: Duke University, Durham, NC
Posizione lavorativa: breve praticantato a Richmond, lavora nell’azienda del padre

 

Leanne M. Saffron è una ragazza indipendente, dal carattere forte, che, in caso di bisogno, non ha paura di rimboccarsi le maniche.
Orfana di madre, ha abbandonato la carriera di psicologa per stare accanto al padre Antony. Gestisce con lui l’azienda di famiglia, guida il trattore e, all’occorrenza, sa usare la chiave inglese per riparare qualche piccolo attrezzo.

 

Sua madre le ha trasmesso l’amore per i cavalli, che di fatto sono diventati la sua grande passione. Al momento ne possiede due, Penelope e Ulisse, ma sogna di poter aprire un maneggio tutto suo.

 

Adora giocare a bowling ed ha fondato una squadra, i BlackHorses, di cui è capitana. La sua squadra è formata da tre improbabili giocatori di mezza età, che non hanno grandi pretese ma non se la cavano poi così male.

 

Da quando ha perso la madre, Leanne tiene un diario, nel quale annota tutte le emozioni che avrebbe voluto condividere con lei. Sente molto la sua mancanza e avrebbe bisogno di confidarsi con qualcuno ma, nonostante siano passati due anni, suo padre è ancora troppo sconvolto per riuscire a parlare di lei.
I nonni, a cui Leanne era legatissima, non ci sono più e l’unico segno tangibile della loro presenza è la casa in cui lei stessa ha vissuto i primi anni dell’infanzia. Una casa che, dalla morte di Agatha Saffron, è stata completamente abbandonata a se stessa.
Anche se Leanne è una ragazza solare e piena di vita, con tanti amici sinceri attorno a sé, è fondamentalmente una donna sola.

Almeno finché non incontra Sebastian…

 


Posted in A walk to home and tagged by with no comments yet.

Chi è Sebastian Pierson?

NMya_McKenzie_A_Walk_To_Home_Sebastian_Piersonome: Sebastian James
Cognome: Pierson
Data nascita: 20/08/1981
Nato a: Norfolk, VA
Ultima residenza conosciuta: 354, Duval Street, Norfolk, VA

Occhi: marroni
Capelli: castani
Altezza: 182 cm
Peso: 88 Kg
Segni particolari: cicatrice da arma da fuoco sulla spalla destra

Titolo di studio: Ingegneria Civile
Università: J. Hopkins, Baltimora MD
Posizione lavorativa: Sergente Maggiore, Corpo dei Marines

Sebastian J. Pierson è innanzi tutto un marine degli Stati Uniti e, come tale, è un uomo d’onore, che vive la propria vita cercando di mantenere fede ai principi in cui crede.
Anche se la decisione di arruolarsi è giunta in seguito ai tragici eventi dell’11 settembre, ha scelto di prolungare il mandato soprattutto per onorare la memoria di suo padre. Da lui, Sebastian ha imparato il senso dell’onore e della giustizia, del dovere e dell’abnegazione.
Soldato efficiente, preferisce prendere ordini piuttosto che darne. Per questo, non ha mai chiesto o preteso riconoscimenti e promozioni. Il titolo di Sergente Maggiore gli è stato conferito per meriti di servizio.

E’ un Combat Engineer e la sua specialità sono gli esplosivi, che usa per distruggere installazioni nemiche o per garantire vie di fuga ai propri compagni.


Ma Sebastian è anche, e soprattutto, un giovane uomo.
Molto riservato, a volte un po’ timido, non è un ragazzo esuberante ed espansivo, di quelli che risultano simpatici a prima vista. E’ però uno su cui si può contare sempre, un grande ascoltatore, che considera l’amicizia un legame sacro.
Non ha molti affetti. A parte la sorella Sarah e i nipotini, Sebastian ha soltanto un amico degno di quel nome. E’ Graham, un ragazzo che conosce da una vita e con il quale ha condiviso non soltanto gli studi ma anche le battaglie sul campo.

 

Sebastian tiene molto alla propria forma fisica. Sa che in combattimento l’allenamento può fare la differenza. Corre ogni giorno, almeno dieci chilometri, anche se è in vacanza o è brutto tempo.
Non ha molti hobby, ovvia conseguenza di essere stato lontano da casa per tanti anni, ma prima di arruolarsi era un ottimo giocatore di bowling.

 

Nonostante sia un bel tipo, dai colori scuri e dal fisico scolpito da tanti anni di vita militare, Sebastian non ha avuto molte donne. Persino ai tempi più sereni dell’università non era il classico sciupafemmine che cambiava ragazza ogni sera. Non ha mai provato per nessuna un sentimento così coinvolgente da poter essere chiamato amore.

Almeno finché non ha incontrato Leanne…


Posted in A walk to home and tagged by with 4 comments.

Dove tutto ha avuto inizio…

Estratto dal romanzo “A Walk to home”
2° capitolo – 2° paragrafo

Il cartello verde e leggermente sbiadito piazzato lungo la carreggiata annunciava che al successivo centro abitato mancavano soltanto sei miglia.

Mya_McKenzie_A_walk_to_home_Blackstone

 

Di ritorno da Virginia Beach, Sebastian sta guidando il vecchio macinino di sua sorella lungo la E. Colonial Trail Highway, diretto verso un paesetto che non ha mai sentito nominare ma che diventerà presto punto cruciale della sua esistenza.
Quando incrocia quel cartello, la prima sensazione che Sebastian prova è il sollievo di sapere che quel suo inaspettato viaggio sta finalmente volgendo al termine.
Se solo potesse sapere ciò che il futuro ha in serbo per lui, forse lo guarderebbe con più attenzione.

 

Sfera magica per controllare il domani o benda sugli occhi per non svelare ciò che ci aspetta?
Conoscere ogni singolo minuto della nostra vita toglierebbe la voglia di viverla, ma una sbirciatina ogni tanto… credo non dispiacerebbe a nessuno.
Mentre scrivo questo post, inevitabilmente mi chiedo come i lettori accoglieranno questo romanzo, mi domando se lo apprezzeranno quanto l’ho amato io e finisco con l’interrogarmi su cosa avrei potuto cambiare, aggiungere o migliorare.
E siccome è quasi ora di coricarsi, capisco che devo smetterla di rimuginare su ciò che è stato e andare oltre.

 

Ritornando al nostro protagonista e al cartello verde che sta osservando, volevo puntualizzare come, a volte, piccole cose apparentemente insignificanti possano rivelarsi occasioni insperate.
Lo so, non succede spesso.
O forse accade sovente ma non vi prestiamo abbastanza attenzione o, peggio, abbassiamo lo sguardo per paura di non esserne all’altezza.
Il fatto è che dovremmo cogliere al volo le opportunità che incrociamo sulla nostra strada, senza sprecare tempo a ponderare, senza troppi “se” e senza troppi “ma”.
(Già immagino i commenti al riguardo)
Ma anche se questa considerazione può sembrare banale (e, detta da una che programma con 3 o 4 giorni d’anticipo cosa preparare per cena, fa un po’ sorridere) credo che sia la pura e semplice verità.
Carpe diem.

 

Questo post è dedicato a coloro che decidono di buttarsi.
Con l’augurio di cadere sempre in piedi.
E se così non fosse, pazienza… almeno un tentativo andava fatto!

 


Posted in A walk to home by with no comments yet.

A Walk to Home

Mya McKenzie - A walk to home

Con grande soddisfazione annuncio la pubblicazione sul mercato italiano di uno dei miei romanzi di maggior successo.

Disponibile da subito su amazon e, in anteprima sul sito, le prime pagine nel formato pdf.

Buona lettura a tutti!


Posted in A walk to home and tagged by with no comments yet.